ACE: conferimenti provenienti da soggetti white listed


Per le imprese che rafforzano la propria struttura patrimoniale mediante conferimenti di soggetti residenti in un territorio white listed è prevista la disapplicazione della disciplina antielusiva (Agenzia Entrate – principio di diritto n. 14/2018).

Per ottenere la disapplicazione della disciplina antielusiva, il contribuente è tenuto a fornire tutte le informazioni atte a dimostrare, in modo inequivocabile, che i conferimenti ricevuti provengono, in ultima istanza, da un soggetto residente in un territorio white listed e che siano assenti fenomeni di duplicazione dell’agevolazione.
In tal caso il contribuente che anticipa integralmente l’applicazione della disciplina antielusiva contenuta, beneficia del minor aggravio probatorio ivi previsto laddove, nell’indagine sulla propria compagine sociale, operato in presenza di conferimenti provenienti dall’estero), riscontri la presenza di fondi d’investimento regolamentati e localizzati in territori che consentono un adeguato scambio di informazioni.
Diversamente, qualora si ravvisi la presenza di un socio estero, anche di minoranza, residente in un paese non white listed, per ottenere la disapplicazione della disciplina antielusiva è necessario fornire contestualmente:
– le informazioni e la documentazione necessarie a dimostrare, in modo inequivocabile, la provenienza dei conferimenti da un soggetto residente in un Paese white listed al fine di ovviare alla mancanza di scambio di informazioni con il Paese non white listed;
– le informazioni e la documentazione necessarie a dimostrare l’assenza di fenomeni di duplicazione dell’agevolazione ACE.