DL Sostegni-bis convertito: ristori per le attività chiuse


La Legge di conversione (L. n. 106/2021) del DL Sostegni bis (D.L. n. 73/2021), pubblicata nella G.U. n. 176 del 24 luglio 2021, ha previsto una serie di modifiche ai ristori previsti per le attività chiuse dal 1° gennaio 2021 al 25 luglio 2021 (art. 2, D.L. n. 73/2021, conv. con modif. in L. n. 106/2021).

L’art. 2 del DL Sostegni bis ha previsto un “Fondo per il sostegno alle attività economiche chiuse” che inizialmente doveva ristorare le attività economiche chiuse per almeno 4 mesi nel periodo 1° gennaio 2021 – 25 luglio 2021. Con la conversione in legge del DL Sostegni bis, il periodo minimo di chiusura delle attività, per accedere ai ristori, passa da 4 mesi a 100 giorni.


Inoltre, viene previsto anche un indennizzo delle perdite derivanti dall’annullamento, dal rinvio o dal ridimensionamento, in seguito all’emergenza epidemiologica da COVID-19, delle fiere nonché ristoro dei soggetti erogatori di servizi di logistica e trasporto e di allestimento che abbiano una quota superiore al 51% dei ricavi derivante da attività riguardanti fiere e congressi.